Twostar: il video delle prime 36 ore di navigazione

Two Handed Transatlantic Race (Twostar) 2012: aggiornamento delle ore 16,00 del 5 giugno 2012

A poco più di 48 ore dalla partenza da Plymouth (GBR), Andrea Mura e Riccardo Apolloni a bordo dell’Open 50 Vento di Sardegna (progetto Felci Yachts) hanno percorso oltre 500 miglia in direzione Newport R.I. (USA) e navigano in prima posizione in tempo reale, in condizioni di vento forte con frequenti punte di velocità a 18 nodi  su una media di 12,5 nodi. L’avversario più vicino è il Class 40 Roaring Forty 2 che segue a circa 30 miglia. Seguendo le indicazioni di Gianfranco Meggiorin di Navimeteo, routier del team, Mura e Apolloni stanno portandosi a Nord rispetto alla rotta ortodromica per evitare di navigare di bolina e per “agganciare” nel minor tempo possibile la prevista rotazione a Nord del vento, che consentirà all’equipaggio italiano di navigare al lasco mure a dritta, in rotta diretta verso l’arrivo distante ancora oltre 2.000 miglia.

Soltanto tra 48 ore saremo in grado di dire se la scelta meteo che abbiamo condiviso con Andrea e Riccardo, sarà effettivamente quella giusta – ha dichiarato Gianfranco Meggiorin dalla centrale operativa di Navimeteo che segue 24 ore su 24 la navigazione di Vento di Sardegna e l’evolversi della situazione meteo –  Tutto comunque lascia pensare che almeno la prima parte di questa affascinante regata si svolgerà almeno per i concorrenti di testa, a Nord del 50° Parallelo. Fino ad ora Andrea e Riccardo hanno navigato molto bene, con ottime medie e in maniera lineare rispetto al resto della flotta posizionata più a Sud e alle prese con una bolina molto impegnativa”.

Nel frattempo gli organizzatori hanno informato via mail Mura e Apolloni che le attuali proiezioni li accreditano di un arrivo a Newport R.I. negli USA previsto per il 16 giugno prossimo, con un tempo complessivo stimato di 13 giorni e 5 ore circa e quindi con un vantaggio di quasi due giorni sul precedente record, stabilito nell’ormai lontano 1994 dal 60 piedi Cherbourg Technologies.

“Go for it” è la perentoria conclusione del messaggio firmato da James Bremridge, membro del board del Royal Western Yacht Club e ufficiale di regata della Two Handed Transatlantic Race.

E’ possibile visionare il primo video con immagini da bordo girate da Andrea Mura Riccardo Apolloni, trasmesse grazie alla partnership con Intermatica, gruppo che da 15 anni opera nel settore delle telecomunicazioni con particolare attenzione ai prodotti e ai servizi per la telefonia mobile terrestre  e satellitare e della sicurezza in mare http://www.intermatica.it

http://twostar.rwyc.org

Archiviato in: Notizie

Vento di Sardegna pronto al via della Twostar


Plymouth, 1 giugno 2012: A un anno e mezzo dalla vittoriosa partecipazione alla regata transoceanica Route du Rhum e primo italiano a scrivere il suo nome nell’albo d’oro della manifestazione, Andrea Mura torna a sfidare l’oceano.

Il velista cagliaritano, a bordo dell’Open 50 Vento di Sardegna progetto dello studio Felci Yachts, partirà domenica 3 giugno alle 12,30 (GMT) da Plymouth in Inghilterra, per un’impegnativa regata transatlantica in doppio: la Two Handed Transatlantic Race, che si concluderà dopo circa 3.000 miglia di navigazione a Newport R.I. negli USA. Il co-skipper sarà Riccardo Apolloni, 46 anni, napoletano, esperto di navigazione e traversate oceaniche.

La regata si svolgerà intorno al 50° di latitudine nord. L’ultimo bollettino meteo indica condizioni di vento molto sostenuto che costringerà gli equipaggi a navigare di bolina per lunghi tratti del percorso.

Molti gli iceberg presenti almeno sino al 43° parallelo e in discesa dal mare di Labrador, la cui posizione è segnalata ai link:

http://ice-glaces.ec.gc.ca/prods/NAIS65/20120601000000_NAIS65_0006472908.gif

http://ice-glaces.ec.gc.ca/app/WsvPrdCanQry.cfm?CanID=11091&Lang=eng

Per questa ragione Raymarine ha dotato Vento di Sardegna di un monocolo termico ad altissima tecnologia per l’avvistamento notturno degli iceberg.

Andrea Mura, alla vigilia della partenza, ha dichiarato: “Torno finalmente in mare, il mio elemento naturale, a sfidare l’oceano. Nell’ultimo anno e mezzo abbiamo lavorato intensamente sulla barca e sulla preparazione di questa nuova avventura. Il nostro obiettivo è quello di battere il record del 60 piedi Cherbourg Technologies che, nell’edizione del 1994, ha impiegato 15 giorni e 31 minuti per completare il percorso.

Se oggi sono di nuovo in procinto di affrontare l’oceano, un ringraziamento particolare va alla Regione Sardegna che mi affianca in questa sfida, a Massimo Cellino, Presidente del Cagliari Calcio, che ha sostenuto il mio progetto, a Intermatica che mi offre tutta la tecnologia satellitare necessaria per la sicurezza e le comunicazioni in oceano e ad Argiolas Formaggi mio sponsor storico. Sono tanti inoltre i fornitori tecnici che hanno creduto in me ed è anche grazie a loro che Vento di Sardegna oggi è di nuovo sulla linea di partenza di una regata oceanica con l’obiettivo di riportare di nuovo in alto nel mondo il vessillo dei 4 Mori, il nome della Sardegna e della vela Italiana.”

Per i contatti e gli aggiornamenti meteo con Gianfranco Meggiorin di Navimeteo, routier dell’equipaggio italiano, Mura e Apolloni utilizzeranno i sistemi di telefonia satellitare forniti da Intermatica.

Sul sito di Vento di Sardegna http://www.ventodisardegna.it sarà possibile visualizzare in tempo reale le immagini da bordo girate da Andrea Mura e Riccardo Apolloni , grazie alla partnership con Intermatica, gruppo che da 15 anni opera nel settore delle telecomunicazioni con particolare attenzione ai prodotti e ai servizi per la telefonia mobile terrestre  e satellitare e della sicurezza in mare http://www.intermatica.it

Il supporto meteorologico ad Andrea Mura è fornito da Navimeteo, società leader che fornisce informazione meteomarine personalizzate per la navigazione da diporto e per le attività marittime professionali. Grazie a Navimeteo sarà inoltre possibile visualizzare costantemente la posizione di Vento di Sardegna in navigazione http://www.navimeteo.it

La Two Handed Transatlantic Race nasce nelle sale del Royal Western Yacht Club of England all’inizio degli anni ’80, come “costola” della Ostar, la più antica regata oceanica in solitario. A differenza della Ostar, la Two Handed Transatlantic Race si corre in doppio. Il percorso (da Plymouth in Inghilterra a Newport R.I. negli USA) e le difficoltà sono però le stesse: il percorso è caratterizzato da condizioni meteo molto impegnative che spesso comportano lunghi tratti di navigazione di bolina tra gli iceberg. L’ultima edizione si era disputata nel 1994 con la vittoria del trimarano francese Primagaz (skipper Laurent Bourgnon – co skipper Cameron Lewis,  con il tempo di 9 giorni, 8 ore e 58 minuti).

Il crescente successo negli ultimi anni delle regate in doppio ha convinto il Royal Western Yacht Club of England a riproporre la manifestazione a partire dal 2012.

Il progetto 2012 di Vento di Sardegna:

Andrea Mura, ha lasciato il porto di Cagliari il 18 maggio scorso e raggiunto Plymouth, in Inghilterra il 30 maggio, dopo oltre 2.000 miglia e 12 giorni di navigazione. Il trasferimento è stato un ottimo test per la messa a punto finale dell’imbarcazione dopo i lavori invernali che hanno completamente rimesso a nuovo l’Open 50 Vento di Sardegna.

La sfida di Vento di Sardegna è supportata da:

Regione Autonoma della Sardegna, Marina Militare, Cagliari Calcio, Intermatica, Camera di Commercio di Cagliari, Autorità Portuale di Cagliari, Yacht Club Cagliari, UVAI, Velasolidale Sardegna, Veleria Andrea Mura, Felci Yacht Design, Helly Hansen, Navimeteo, Bainbridge Sailcloth, Raymarine, Boat Rigging, Arte, Velamania, Termomeccanica,  Argiolas Formaggi

Gruppo Grendi, Marina di Sant’Elmo Cagliari, Attiva Marine, Osmosea, Santicchia, Efoy , Lombardini Marine, Nanoprom, AR Multiservice, Seasmart, Diana Canoe, Victron Energy, Riba Composites, Uflex, Neon Europa, Kiwi Props,  Osculati, Ferrari Gym, Riviera Genova, Solimar, Acentro, Quibio, Enervit

Archiviato in: Notizie

Il trasferimento di Vento di Sardegna a Plymouth

Andrea Mura, insieme a Riccardo Apolloni, a bordo dell’Open50 Vento di Sardegna sta navigando alla volta di Plymouth in Inghilterra. Il velista cagliaritano raggiungerà la Gran Bretagna dopo 2000 miglia e oltre 11 giorni di navigazione. E’ possibile seguire il trasferimento di Vento di Sardegna al link che segue:

Tracker Vento di Sardegna

Archiviato in: Notizie